Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2013

Sui commenti razzisti su Facebook contro il ministro Kyenge e gli immigrati

Riprendo il mio commento al seguente post su Facebook, in cui si attacca apertamente il ministro Kyenge
Certo certo, infatti fra i commenti di questo post le frasi razziste, come quelle di Mirko Mattaruchi, da cui nessuno ha preso le distanze, sono assenti. Diciamoci la verità: questo ministro dà fastidio per quello che dice o perché è di colore? E anche sperando che la risposta fosse la prima, ovvero la sua campagna per lo ius soli e contro il reato di clandestinità, presente solo nell'ordinamento giuridico italiano e a più riprese condannato in sede ONU, se voi che commentate foste emigrati nei paesi teutonici, dato che adorate la razza ariana (inesistente), apprezzereste di certo di essere trattati come dei carcerati nei centri d'accoglienza (campi di concentramento per le Nazioni Unite), costretti a lavorare in nero e senza diritti, essere insultati ogni giorno, soggetti alle peggiori stupidaggini come quelle che si leggono qui, e a non vedere riconosciuti i diritti civil…

Non riuscire a scrivere

Giornate strane, in cui il non riuscire a spiegarsi, il non riuscire a scrivere sembra consumarti. Le ore passano, i pensieri corrono, la paura di non farcela a risolvere i problemi.
In tutto questo l'espressione dell'anima, delle paure, delle speranze, tutto ciò sembra irrealizzabile

Se amiamo la democrazia non possiamo non volere Mohamed Morsi libero

Come detto nel titolo di questo post: se amiamo la democrazia non possiamo non volere Mohamed Morsi libero. Perché Morsi è l'espressione di una maggioranza che ha votato liberamente il suo rappresentante, e il resto dei paesi democratici non possono pensare che la libera scelta di un popolo sia credibile solamente quando coincide con i propri interessi e la propria visione del mondo.

Papa Francesco e gli omosessuali

Le parole di oggi di Papa Francesco sugli omosessuali esprimono una posizione religiosa, ma di buon senso. In primis perché hanno cestinato la favola della lobby gay dietro cui si nascondono le posizioni omofobiche di una parte del conservatorismo cattolico. Un primo passo, anche perché, questa volta, un pontefice ha l'ardire di non condannare la condizione omosessuale in quanto tale, definita una tendenza, ma di condannare la corruzione nella chiesa, da qualsiasi sponda essa provenga.
Chissà quanti politici italiani avranno oggi odiato questo Papa argentino

Kyenge, ovvero la misura dell'ignoranza

Più volte su questo blog ho parlato della becera ignoranza che spesso pervade il nostro paese, fino alla sua classe dirigente. Ultimo esempio, ormai ricorrente in realtà, è la congerie di insulti nei confronti del ministro Kyenge, reo, pensate un poco, di essere di colore, di origini congolesi anche se con cittadinanza italiana e impegnata nella politica italiana da anni, e per di più di sinistra. Insomma, il male assoluto per la sonnacchiosa e conservatrice società italiana.
E così di giorno in giorno fioccano le contestazioni per il ministro, gli insulti, le minacce, i lanci di banane. Tutto molto folkloristico, se non si trattassero, occorre dirlo con forza, dei peggiori segni di un razzismo strisciante che da tanto serpeggia nel nostro paese. Perché, è inutile nascondercelo, per molti di noi i migranti sono degli invasori, delle rotture di scatole, andrebbero tenuti fuori o cacciati, come nello scandalo kazako, con buona pace di diritti umani, diritto d'asilo, fuga dalle guer…

Le terme di Misterbianco

Unvideosulletermedi Misterbianco
Le terme romane di Misterbianco sono una sottovalutata testimonianza della vita in età tardo antica nell'area catanese. L'edificio risale probabilmente ad una stratificazione di più secoli, a partire dal secondo secolo d.C. sino al settimo secolo. Dell'edificio, probabilmente nato per uso privato all'interno di una villa, rimangono oggi solamente le strutture portanti realizzate in pietra lavica e pochi resti di malte e condutture. A partire dal Seicento-Settecento, durante l'epoca doro dei tour culturali attraverso la Sicilia, l'edificio venne riscoperto e posto in relazione e al vicino acquedotto romano che dalle pendici dell'Etna riforniva la città di Katané in epoca romana. Resti di questo acquedotto sono stati ritrovati anche a Misterbianco, a qualche centinaio di metri dalle terme. Della villa romana che doveva sorgere vicino all'edificio non si hanno che sparute tracce all'interno delle cronache locali, mentre…

Cosa vuol dire malasanità

Spesso abbiamo la tendenza a nasconderci dietro le parole, come se queste potessero esorcizzare, anestetizzare la realtà. È una risposta comprensibile, soprattutto quando dietro le parole si vanno a nascondere l'errore, la fallibilità, il dolore. Però, quando sbatti contro la realtà che si nasconde dietro le parole, allora tutto diviene più chiaro (e questo dovrebbe essere un monito per coloro, come la mia categoria, quella degli insegnanti, che troppo spesso si nascondono dietro le parole per non guardare ai fatti).

Malasanità può voler dire tante cose, e allora parliamone, partendo dall'esperienza concreta. Vedrete come questo post è in un certo senso la naturale prosecuzione del post precedente.
Malasanità vuole dire tanto, dicevamo: per esempio può voler dire una serie impressionante di errori medici sulla stessa persona.

Prendiamo una persona a caso, un mio caro: partiamo dall'ortopedico che scambia un'ernia al disco per una sciatalgia e si ostina a curarla per m…

Persone violente

Non credo di averne mai parlato in pubblico, fino ad ora è stato qualcosa che ho conservato dentro di me perché fin troppo intimo. Ma in questi giorni in cui stanno accadendo delle cose spiacevoli nella mia vita, sento il bisogno di parlarne. Di parlare della violenza, quella pura, quella senza un perché. Parlare di persone violente.

Sarò garantista, non farò nomi e, nel descrivere l'episodio di cui sotto, dico subito che si tratta di una ricostruzione, di qualcosa che non ho visto perché lontano, una delle rare vacanze che mi sono permesso negli ultimi anni.

Parlo di qualcosa avvenuta più o meno cinque anni fa. Mi trovavo a Roma, in vacanza, come dicevo. S'era appena concluso l'anno scolastico, il mio contratto, il primo da insegnante, era scaduto. Per l'esattezza quindi ero disoccupato. Dopo aver presenziato al matrimonio di un'amica in Puglia, m'ero recato nell'Urbe per godermi qualche giorno di riposo con alcuni amici, festeggiando con loro la prima es…

Barattiamo diritti umani

Non giriamoci intorno, sarebbe da ipocriti. Ciò che sta avvenendo oggi in Italia è uno dei più ceri esempi di fraintendimento della politica. In nome della sopravvivenza di un governo si barattano i diritti umani di due persone. Non conta chi esse siano, che cosa abbiano fat e a chi siano legate, qui si parla di Diritti con la D maiuscola. Per intenderci, non di beceri sotterfugi alla Berlusconi n tentativo di superare impunito i propri reati, ma di due persone che sono state consegnate come ostaggi ad un paese che per quel che possiamo comprendere non si farà scrupoli ad adoparle come merce di scambio per acciuffare un oppositore politico. Del resto, queste due persone, sono state merce di scambio anche per noi, le abbiamo barattate in nome degli accordi commerciali con il Kazakistan e delle amicizie personali di Silvio Berlusconi.
Di fronte a tutti ciò la colpevolezza o l'incompetenza del ministro Angelino Alfano passano in secondo piano. Oggi si realizzerà una delle pagine più …

Quando ti chiudi nel silenzio

Forse qualcuno avrà notato che questo blog non riceve aggiornamenti già da n po'. La spiegazione è abbastanza semplice, ovvero sto vivendo dei gravi disagi familiari che mi hanno spinto a chiudermi nel silenzio. Totale. Non ho più scritto neanche una pagina del nuovo romanzo da quando tutto ha avuto inizio, più o meno dal mio ritorno a Catania.
Questo mutismo non vuol dire però che io abbia smesso di ascoltare, leggere, per quel che è possibile, nella miriade d'impegni. E soprattutto, di osservare.
Questi sono i momenti in cui le tue certezze vacillano, le tue speranze s'infrangono, tutto quello che hai fatto ti sembra niente. Persino l tuo nome, nel momento in cui un tuo caro non lo ricorda più, è nulla. Sono i momenti in cui pensi che siamo incapaci di manipolare il futuro, di comprendere il presente. Che il passato e le nostre certezze non sono che ricostruzioni, illusioni. Rimane solo la vita, perché non c'è più distinzione tra natura e artificio, capisci che la …

Ci vogliono dieci milioni di voti, Galan, Berlusconi e l'impunità

Stando al pidiellino Galan un uomo che ha preso per anni dieci milioni di voti starebbe per essere fatto fuori, politicamente, dalla magistratura. Perché, sempre secondo Galan, se un uomo, dopo un processo durato anni, vede sopraggiungere l'ultimo grado di giudizio, evidentemente subisce ingiustizia.
Ora, se qualcuno nota delle contraddizioni in questi ragionamenti, allora vede bene.
Partiamo dal presupposto: se un processo giunge a compimento, allora di certo non sarà il suo compiersi l'ingiustizia. Pensare che sia più giusto giungere ad un nulla di fatto, ad una prescrizione, anziché giungere ad una sentenza, indica un volersi prendere gioco della giustizia, delle leggi.
Giungiamo poi alla conseguenza del ragionamenti di Galan e della gran parte dei sodali del suo partito: se un uomo come Berlusconi viene votato dagli Italiani, allora dovrà vivere la sua vita politica senza che essa subisca alcuna delle conseguenze prevedibili per chi commette un reato, perché questo vorre…

La gestione dinamica della finanza

Cicchitto rimprovera Saccomani dicendogli, lui politico ad un economista, che si deve abituare ad una gestione dinamica della finanza. Buono a sapersi: il pdl ha trovato un eufemismo, una maniera gentile per definire il togliere tasse a cazzo di cane prima delle elezioni e rimandare i rimedi per i danni creati al governo che verrà.

Contra Renzi

Tiro al piccione 'sti cazzi, scusate. Ma di cosa stiamo parlando?
Allora, chiariamoci, Matteo Renzi da due anni almeno non fa altro che parlare delle regole del PD, lamentandosi del fatto che non vengano scritte a sua immagine e somiglianza. Pretende di essere grande elettore, non si sa bene perché; pretende di fare le primarie con primarie aperte, perché, a suo dire, così lo avrebbero potuto votare anche gli elettori di altri partiti; pretende di fare il segretario di partito e contemporaneamente il candidato per il partito; fa il sindaco, vuole fare il segretario di partito e il primo ministro, uno e trino.
Allora, un'arroganza simile e tanto desiderio di cumulare poteri, con tanta sfacciataggine, l'abbiamo già vista, a destra, in un uomo che oggi vorremmo scomparisse dalla politica. Di fatto Renzi vuole un partito inesistente, che sia per lui semplicemente un trampolino di lancio. È questo uno statista? Un uomo incapace di pensare a quello che avverrà dopo di lui?
Nel …